A sentire alcuni, gli uomini dovrebbero andare in giro con una guida su come fare un pompino da distribuire a tutte (e tutti) i partner incontrati sul proprio percorso. Ok, fare del buon sesso orale non è da tutti e se c’è una percentuale di appartenenti al sesso maschile che si lamenta perché la propria compagna non ne vuole sapere di succhiarlo, nella parte “fortunata” c’è chi invece si lamenta della scarsa qualità dei pompini ricevuti.

Insomma, pare che il pompino perfetto sia destinato a pochi eletti.

Non c’è bisogno di avere statistiche alla mano per sapere che il sesso orale è la pratica più diffusa e più apprezzata da chiunque, uomo o donna che sia. E se fare un pompino come si deve è un’arte, essere dotati di talento naturale non basta. Per una fellatio da applausi bisogna anche conoscere alcune tecniche e regole ben precise.

Non siamo tutti uguali e i gusti in fatto di sesso non sono gli stessi per chiunque (vivaddio!) ma sono sicura che qualche dritta su come fare un pompino perfetto può tornare sempre utile.

Cos’è il sesso orale

Prima di entrare nel vivo su tecniche e consigli per un pompino da applausi è opportuno fare un breve riepilogo su cosa intendiamo per sesso orale.

Lasciando stare le classiche battute da scuole medie su teoria e pratica, possiamo semplificare dicendo che il sesso orale non è altro che il sesso fatto con la bocca. Più precisamente, è una pratica sessuale che consiste nel leccare e succhiare i genitali, in questo caso, trattandosi di pompini, diremo che si tratta di succhiare il pene al partner.

Generalmente, il sesso orale si pratica come preliminare prima della penetrazione oppure nel caso di un incontro sessuale fugace, quando non si ha il tempo o non ci sono le condizioni per un rapporto sessuale completo.

Spesso il pompino è stato oggetto di discussione nell’ambiente femminista, perché viene considerato un atto di sottomissione nei confronti dell’uomo. Obiezione poco valida, visto che quando un uomo ha i genitali nella bocca di una donna, sfido chiunque a dire che il potere sia nelle sue mani, nonostante lei sia in ginocchio.

Trucchi importanti per fare bene un pompino

Fare un pompino perfetto non è difficile ma, come tutte le cose fatte bene, richiede impegno. Nessuno nasce imparato in qualunque campo e, sebbene il sesso sia soprattutto un concentrato di istinto, l’arte della fellatio richiede un minimo di tecnica.

Mi rivolgo soprattutto alle donne, dando per scontato che un uomo, essendo dotato di pene, sappia già quali sono i punti da toccare e come dev’essere fatto un bel pompino.

La prima regola per fare bene un pompino è non aspettare che ti venga chiesto. Se lui capisce che lo fai solo per farlo contento, parti già con il piede sbagliato.

Agli uomini piace sapere che siamo coinvolte totalmente e che succhiarlo piace anche a noi. Una partner eccitata li inorgoglisce e li fa sentire desiderati. Quindi, se non ami particolarmente avere contatti così ravvicinati con un pisello, dovrai lavorare anche su te stessa se desideri soddisfare un uomo con la bocca.

Certo, col tempo ognuna perfeziona la sua tecnica personale, adattandola anche in base al partner e alle sue reazioni. Non esiste un pompino uguale a un altro perché con ogni uomo è come se fosse la prima volta.

Ecco come iniziare

Partiamo dall’inizio, perché se il pompino è un preliminare del sesso, esistono anche dei preliminari nel pompino. In fondo, la fellatio è un tipo di sesso che ha la sua compiutezza e, come tale, ha diverse fasi.

Perché il pompino riesca bene è fondamentale che l’uomo abbia un’erezione completa e, per far sì che questo avvenga, prima di prenderlo in bocca ti consiglio sempre di giocare un po’ con le mani, con carezze all’interno coscia, senza trascurare testicoli né il perineo, quel punto che si trova alla base del pene, tra lo scroto e l’ano.

Non devi essere precipitosa, perché è importante che l’eccitazione aumenti gradualmente, in modo da rendere tutto più stuzzicante. Puoi naturalmente prendere il pene in mano e muoverlo delicatamente su e giù, facendo attenzione a non essere sbrigativa e a non insistere, per evitare che tutto finisca ancor prima di cominciare!

L’importanza della lingua

A questo punto lui dovrebbe essere eccitato a sufficienza per poter usare la bocca, cominciando però da qualche bacio e qualche leccatina dal basso verso l’alto. Fai scorrere la lingua arrivando fino in punta stuzzicando tutta la cappella, che è una delle zone erogene più sensibili nell’uomo.

Cambia ogni tanto direzione, alternando leccate lunghe ad altre più brevi, senza tralasciare neanche un angolo. Muovi la tua lingua sul glande in maniera circolare, facendo trasparire il tuo piacere, proprio come se stessi gustando un cono gelato. Procedi lentamente, in modo da farlo impazzire nel momento in cui comincerai a prenderlo in bocca.

Spremilingua

Metti da parte tutto quello che si vede nei porno e lasciati andare con naturalezza, succhiando in modo ritmico variando la velocità del movimento. Ricordati di lubrificare bene il pene con la saliva, per favorire la scivolosità del pompino.

Se vuoi che il tuo uomo impazzisca di piacere, puoi provare la tecnica dello spremilingua, che necessita di un po’ di esperienza ma non è difficile da fare. Diciamo che l’efficacia dipende molto dall’apertura della tua bocca e dalla grandezza del pene ma quello che importa è che sia ben in profondità.

Con la lingua devi spingere verso l’alto in modo da far toccare il glande contro il palato, massaggiando la parte inferiore del pene. Se impari a farlo come si deve, stai ben certa che anche un partner occasionale si ricorderà di te per sempre.

Usa anche le mani

Nel pompino, aiutati con le mani, per intensificare maggiormente il piacere dell’uomo. Puoi usare le mani per accompagnare i movimenti della bocca mentre va su e giù, amplificando le sensazioni di piacere. Le mani diventano indispensabili anche nel caso in cui ti trovi a succhiare un membro dalle dimensioni “importanti” e hai bisogno di aiuto perché non riesci a infilarlo tutto in bocca.

Un trucchetto per “allungare” la cavità della tua bocca è quello di unire il pollice e l’indice mettendoli aderenti alla bocca mentre lo succhi: in questo modo lui avrà la sensazione che la tua gola sia ancora più profonda.

Vai più a fondo possibile

Probabilmente le prime volte ti verrà difficile ma per rassicurarti posso dirti che far arrivare il pene fino in gola senza avere lo stimolo del vomito o di soffocare non è facile. Quindi, è vero che gli uomini impazziscono per un deepthroat fatto come si deve ma non sentirti incapace se non ci riesci subito.

Per arrivare oltre l’epiglottide è fondamentale esercitarsi per desensibilizzare la gola e favorire la penetrazione senza rischiare di soffocare. In realtà, agli uomini la gola profonda piace per le intense sensazioni provate ma, se non dovessi riuscirci, puoi sempre dire che ha un membro di dimensioni eccessive e solleticare il suo orgoglio.

Non dimenticare i testicoli

Quando fai un pompino, non concentrarti solo sull’asta ma dirigi le tue attenzioni anche ai testicoli, molto importanti per intensificare il piacere dell’uomo. Oltre a leccarli e succhiarli per bene prima di prenderlo tutto in bocca, mentre sei intenta a fare su e giù puoi amplificare il godimento del tuo partner accarezzandogli i testicoli con delicatezza.

Mi raccomando: non ravanare come se stessi cercando le chiavi nella borsa, parliamo di una zona estremamente sensibile e basta davvero un leggero sfioramento per procurare sensazioni paradisiache.

Adesso prova senza mani

Ok, finora ti ho detto come usare le mani e sono sicura che dopo le prime volte ti verrà naturale usarle come se non avessi mai fatto altro nella tua vita. Per rendere però il tuo pompino ancora più eccitante e vario, prova a togliere le mani e continuare solo con la bocca.

All’uomo piace molto questa sensazione di non avere nessuna interferenza tra il pene e la bocca e, anche se il movimento è meno stabile, trova il pompino senza mani molto eccitante.

Se proprio non sai dove mettere le mani, puoi approfittarne per masturbarti e aumentare la tua eccitazione, in modo da succhiare con ancora più passione.

Contatto visivo e fiducia

Se c’è una cosa che devi imparare dai video porno è quella di guardare il tuo partner negli occhi mentre gli fai un pompino. Gli uomini vanno letteralmente fuori di testa se li guardi mentre glielo succhi. Stabilire un contatto visivo è importante anche per te, perché così hai modo di verificare “in tempo reale” gli effetti della tua bocca su di lui.

Inoltre, se non sei molto sicura delle tue capacità, vedere le espressioni di godimento sul suo volto ti può aiutare ad acquisire fiducia in te stessa e nelle tue doti.

Gli errori da non fare

Partendo sempre dal presupposto che siamo tutti diversi e che quello che piace da impazzire a un uomo può non essere apprezzato da un altro, ci sono degli errori che è meglio non commettere quando si fa sesso orale. Se riesci a non fare neanche uno dei seguenti errori, puoi dire di conoscere le regole per fare un pompino perfetto.

  • Non tenere sotto controllo il ritmo: se pensi che il ritmo di un pompino sia dettato dall’uomo, sei sulla cattiva strada. Il ritmo e l’intensità di una fellatio sono completamente a carico di chi la fa. Proprio per questo, uno degli errori da non commettere è quello di eseguire movimenti monotoni e ripetuti senza mai variare.
  • Dimenticare la lubrificazione: il pene non è come la vagina, non si autolubrifica, quindi usa la saliva, senza lesinare. Anche se la bocca è naturalmente umida, una buona lubrificazione dell’asta ti permette di fare su e giù con più scioltezza e senza fastidiosi attriti.
  • Attenzione ai denti: nessun uomo te lo dirà mai ma una delle paure più grandi quando ricevono del sesso orale è quella di essere feriti con i denti. Quindi, stai molto attenta a non usare i denti mentre succhi, soprattutto se il pene è molto grande, perché potresti rendere il pompino un’esperienza traumatica!
  • Non ascoltare i segnali del partner: la connessione con lui è importante, e non mi riferisco solo a quella visiva. Con un partner occasionale può essere complicato, perché non ci si conosce bene e non sempre si riescono a cogliere le sfumature, ma ascoltare quelle che sono le sue richieste, anche semplicemente seguendo l’evolversi del suo piacere, può rendere il pompino davvero indimenticabile.

Diverse posizioni e tecniche

Se pensi che esista una sola posizione e una sola tecnica per fare un pompino, ti stai sbagliando di grosso. D’altronde la visione di filmati hard ci ha abituato al sesso orale praticato in tutti i luoghi e in tutti i laghi e in tutte le posizioni. Ti segnalo le più comuni ma nulla vieta di provare acrobazie strane o tecniche personali.

Le posizioni per un pompino indimenticabile

  • Lui in piedi lei in ginocchio: nell’immaginario collettivo è la classica posizione del pompino, quella che siamo abituati a vedere più spesso nei porno. Per stare più comoda, ti consiglio di mettere un cuscino o qualcosa di morbido sotto le ginocchia. Questa è anche la posizione ideale per giocare, se lui lo apprezza, con un vibratore prostatico, che gli regalerà sensazioni davvero intense.
  • Lui in piedi lei a quattro zampe: una variante della posizione precedente che però ti impedisce di fare troppi movimenti. È infatti ideale per dargli l’idea di dominarti e invertire i ruoli, ma non dimenticare che è lui ad avere il suo membro nella tua bocca.
  • Lui seduto su un piano, lei in ginocchio: molto simile alla prima posizione, ma in questo caso lui è molto più comodo e rilassato e può abbandonarsi esclusivamente al piacere.
  • Lui a cavalcioni su di lei: tu sei sdraiata e lui ti siede all’altezza del volto. Anche in questo caso lui ha la sensazione di dominarti e guidare il gioco ma intanto ti lascia le mani libere per giocare con il suo ano o col tuo clitoride.
  • Lui sdraiato e lei china con la testa tra le gambe: la classica posizione da pompino a letto prima di un rapporto sessuale completo. Poco originale, siamo d’accordo, ma non è detto che non possa essere intrigante.

Le tecniche

Per fare un pompino a regola d’arte devi variare la tecnica, usando la lingua, le mani e variando ritmo e posizioni. Succhiare sempre con lo stesso ritmo o succhiarlo come un robot dall’inizio alla fine rende il sesso orale monotono e non sempre eccitante.

  • Fai un pompino variando la temperatura: sentire una bocca molto calda o, al contrario, molto fredda, farà provare delle sensazioni nuove al tuo partner. Tieni in bocca un cubetto di ghiaccio o dell’acqua calda prima di succhiarlo e vedrai che sarà una bella sorpresa.
  • Concentrati sul frenulo: tra una succhiata e l’altra, gioca con la lingua sul punto che si trova tra prepuzio e glande, quello che comunemente è chiamato filetto. Puoi anche stimolarlo con le dita dopo averci sputato abbondanti dosi di saliva.
  • Rimming: alcuni uomini si farebbero ammazzare piuttosto che ammettere che godono con la stimolazione dell’ano. Prova prima a stimolarlo con le dita o con un sex toy, se lui non oppone resistenza e te la senti, passa alla lingua e leccagli l’ano mentre gli fai una sega. Non ricorderà più neanche come si chiama.

Ingoiare o non ingoiare

In una guida su come fare un pompino perfetto scritta da uomini, la risposta dovrebbe essere scontata: un pompino senza ingoio non può definirsi perfetto.

Però l’ultima parola è sempre di chi riceve lo sperma in bocca, la donna in questo caso.

Ingoiare o meno lo sperma è una scelta personale che può dipendere da tanti motivi: dal sapore dello sperma, dalla poca fiducia nel partner o semplicemente da una scelta personale.

Quello che conta è avere sempre rispetto dell’altra persona e non considerare un’umiliazione se una donna sputa lo sperma dopo avervi fatto un pompino. Soprattutto se è stato memorabile.