Se alla parola posizione pensi subito al gps, molto probabilmente non sei di quella generazione per cui le posizioni erano solo quelle da provare in camera da letto. Certo, se parliamo di kamasutra ci trasferiamo nell’ambito della mitologia, perché è uno di quei testi di cui tutti parlano ma che pochi hanno veramente sfogliato.

Ora, siccome le differenze tra uomini e donne si vedono anche a letto, conoscere quali sono i gusti del partner può sicuramente aiutare a fare del buon sesso e, soprattutto, a renderlo soddisfacente per entrambi.

Dando per scontato che con la persona giusta l’esperienza tra le lenzuola regala sempre grandi soddisfazioni, agli uomini può tornare utile sapere che anche a noi donne alcune posizioni piacciono più delle altre. Se invece sei una donna e non sei mai andata oltre la posizione del missionario, allora questa breve guida potrà aprirti un mondo sulle tante forme del piacere a letto.

Le migliori posizioni per lei

Diciamo le cose come stanno: noi donne abbiamo sempre dovuto faticare per far sentire la nostra voce in fatto di piacere sessuale. Sembra quasi che l’orgasmo e il godimento siano sempre e soltanto appannaggio dell’uomo. Senza scomodare anni di lotte femministe, è un dato di fatto che il piacere femminile è sempre passato in secondo piano, come se noi donne non avessimo lo stesso diritto a godere.

Anche se ognuna ha le sue preferenze e i suoi gusti, ci sono alcune posizioni che all’unanimità sono considerate le migliori per noi donne.

Una delle posizioni preferite dalle donne (ma anche dagli uomini, potete giurarci) è quella dell’amazzone (conosciuta anche come smorzacandela). Il motivo è facile da intuire, poiché si tratta di quella posizione in cui lui è sdraiato e noi siamo a cavalcioni, appoggiate sulle ginocchia.

In questa posizione non solo è la donna a gestire il ritmo e l’intensità del rapporto, ma l’uomo ha il vantaggio di godere anche della vista della sua partner che gode e che si muove sopra di lui.

Molto interessante anche l’amazzone capovolta, che è una delle tante varianti di questa posizione. In pratica la donna è sempre a cavalcioni dell’uomo ma gli dà le spalle. Il godimento è assicurato per entrambi e, come per la versione “originale”, lui beneficia anche della vista, stavolta del nostro lato B.

Anche la posizione in cui lui è seduto (su una sedia, uno sgabello o il divano) e la donna gli si siede sopra, sempre frontale a cavalcioni, può considerarsi tra le migliori, e non solo per noi. Comodità e godimento vanno a braccetto perché lei è libera di muoversi per accompagnare il proprio piacere e lui è altrettanto libero di toccarle culo, tette, schiena.

Da citare, obbligatoriamente, anche la posizione del missionario che, pur essendo la più banale e scontata, per noi donne ha sempre il suo perché, soprattutto se c’è anche un coinvolgimento emotivo con il partner. Non è certo la posizione in cui noi donne proviamo più piacere ma se si riesce a trovare il giusto punto di stimolazione del punto G, può essere un buon diversivo o un inizio per poi passare ad altro.

Le posizioni più comode per fare sesso

Se guardando un porno pensi che siano tutti degli acrobati e che per certe posizioni non avrai mai il fisico, non devi rinunciare all’idea di fare del buon sesso. Basta solo scegliere le posizioni più comode che ti consentono di provare piacere senza fare contorsioni.

La posizione del cucchiaio, per esempio, è una delle più comode per tutti e due. Entrambi sdraiati su un fianco, tu davanti e lui dietro, non dovete fare movimenti strani ma solamente lasciarvi condurre dal piacere. È la classica posizione da “minimo sforzo massima resa” e, per le coppie più romantiche, è anche un modo per stare abbracciati mentre si fa l’amore.

Del missionario abbiamo già parlato e, senza alcun dubbio, possiamo dire che è tra le più comode. Per renderla meno noiosa e più eccitante, provate ad avvinghiarvi con le gambe all’uomo e fate in modo che lui vi prenda per i fianchi mentre vi penetra. La differenza si sente eccome.

Le posizioni più piacevoli

Credo di non dire eresie se affermo che la posizione più piacevole (sì, anche per noi donne) è sicuramente la pecorina. Ok, è la meno romantica di tutte ma quando si tratta di godere non stiamo a guardare troppo i particolari. Per coloro che non sapessero di cosa stiamo parlando (!) è quella posizione in cui lei è a quattro zampe e lui in ginocchio dietro che la penetra tenendola per i fianchi.  Ecco una guida utile su come fare bene la pecorina.

Il piacere è assicurato perché la penetrazione è molto più profonda e si arriva a stimolare il punto G. Se poi lui nel frattempo ci titilla anche il clitoride allora il godimento è completo.

Un’altra posizione che promette orgasmi molto soddisfacenti è quella della tigre, che non è altro che un’altra variante del missionario. La posizione di partenza è la solita: lei sdraiata e lui sopra, solo che le cosce della donna sono contro il petto dell’uomo, in modo da assicurare una penetrazione più profonda.

In genere, tutte le posizioni in cui la donna viene presa da dietro sono le più piacevoli per lei, quindi anche la già citata amazzone capovolta rientra sicuramente tra le preferite.

Le posizioni che vanno più di moda

Ora, il sesso è qualcosa che travalica mode e trend del momento, e per fortuna, mi verrebbe da dire. Più che posizioni alla moda io parlerei di posizioni che non passano mai di moda, perché piacciono a tutti.

Certo, ci sono gusti ed esperienze personali ma, oltre al missionario, la posizione che continua a essere tra le più praticate è, ça va sans dire, sempre lei, la pecorina o doggy style, per dirla all’inglese. Un grande classico che non tramonta mai e abbiamo anche spiegato perché.

Il sesso orale è un altro evergreen e, sebbene non praticato quanto la pecorina o il missionario, è certamente sul podio delle pratiche sessuali più amate. Parlando di posizioni, non possiamo non citare il 69 che, se fatto bene, regala gran belle soddisfazioni.

Si tratta di un rapporto orale contemporaneo, in cui mentre noi gli facciamo un pompino lui ci pratica un cunnilingus. La posizione di solito è quella in cui lui è steso e lei sta sopra di lui al contrario ma nulla vieta di stare su un fianco o con lei sotto.

Le posizioni che permettono di raggiungere più facilmente l’orgasmo

Ok, in un mondo ideale noi donne dovremmo raggiungere l’orgasmo tutte le volte che facciamo sesso, indipendentemente dal partner e dalle posizioni assunte. Non è sempre così, perché, rispetto agli uomini, per raggiungere l’acme del piacere abbiamo bisogno di congiunzioni astrali favorevoli e tanta ma tanta pazienza.

Battute a parte, ci sono delle posizioni che, se non garantiscono l’orgasmo al 100%, ci danno buone probabilità per poterlo raggiungere in tempi ragionevoli e con una buona dose di godimento, a cui non diciamo mai di no.

Oltre alle già citate pecorina, amazzone rovesciata e quella in cui l’uomo è seduto e lei è a cavalcioni sopra di lui (detta anche toro seduto), la posizione in cui lei può raggiungere più facilmente l’orgasmo è quella detta dell’incudine. In pratica, ci si stende come nel missionario ma si appoggiano le gambe sulle spalle del partner, in modo da stimolare il punto G durante la penetrazione.

La posizione dell’elefante, invece, è simile alla pecorina ma, se vogliamo, più dolce. Lei è sdraiata a pancia in giù appoggiata sugli avambracci e con le gambe divaricate. Lui, in ginocchio dietro di lei, la penetra dolcemente. Non è proprio la posizione più comoda di tutte ma vale la pena provarla.

Sesso e relax: i consigli del kamasutra per lei

Il kamasutra è uno di quei testi su cui si tessono leggende da sempre senza conoscerlo veramente. Il famoso testo indiano è diventato una raccolta di “tutorial” sulle posizioni (alcune davvero acrobatiche) da assumere durante il sesso. Invece il kamasutra, dal sanscrito “Discorsi sull’amore” è un trattato sull’arte amatoria in generale. Alcune sezioni hanno davvero poco a che vedere col sesso, ma riguardano la gestione del piacere nella società, non solo a letto.

Per quanto riguarda le donne, oltre a spiegare come devono tenere in ordine la casa e fare in modo da primeggiare sulle altre mogli del marito, insegna anche come manipolare l’uomo e come sedurlo con le lusinghe del sesso. Ma parla anche dell’importanza dell’indipendenza economica della donna e di come il cervello sia uno degli organi sessuali principali da stimolare. Un vero e proprio trattato di emancipazione femminile e di restituzione della dignità alla donna.

Insomma, le tanto discusse posizioni sessuali, 64 per l’esattezza, sono contenute in 10 dei 36 capitoli totali e la maggior parte sono talmente complicate da realizzare che ti fanno passare la voglia prima di cominciare.

Certo, molti consigli sono anacronistici e fanno parte di una cultura di gran lunga lontana dalla nostra, ma leggerlo può essere interessante proprio per rimpossessarsi dell’amore e del rispetto verso se stesse attraverso l’erotismo.

I nostri consigli e le vostre esperienze

La sessualità, di coppia o occasionale, non dovrebbe aver bisogno di regole o di consigli da nessuno. O meglio, l’unico consiglio che si dovrebbe dare è quello di fare sesso sempre rispettando desideri ed esigenze del partner. Che sia quello di una vita o uno appena conosciuto non importa.

Sicuramente, da un amante occasionale non possiamo pretendere che ci conosca come il compagno storico, certe dinamiche a letto hanno bisogno anche di una complicità che solo l’esperienza può dare.

Questo non vuol dire che non si possa avere un’intesa sessuale straordinaria anche la prima volta che si va a letto con qualcuno. Anzi, a volte è proprio la novità che ci spinge ad andare oltre certi limiti e infrangere dei tabù che spesso possono esserci in un rapporto di coppia.

Il consiglio che sento di dare, quindi, è quello di non avere timore a chiedere e raccontare le proprie fantasie, perché l’insoddisfazione sessuale è sempre la spia di qualcosa che non va e a lungo andare può determinare la crisi di una relazione.

Ora è il momento di sentire quali sono le vostre esperienze e quali sono le posizioni che preferite a letto. È attraverso la condivisione di esperienze e preferenze che possiamo contribuire ad ampliare la nostra conoscenza sulla sessualità femminile e sulle posizioni più amate a letto dalle donne.