Sull’importanza di usare il preservativo non servono molte spiegazioni, ma spesso anche quando ne siamo forniti evitiamo di mettere il profilattico perché non riusciamo a infilarlo con facilità.

Con questa guida completa voglio aiutarvi a risolvere un piccolo problema che potrebbe portare a conseguenze molto serie.

Preservativo: cosa fare e cosa non fare

Ecco alcune semplici regole riassuntive sull’utilizzo o non utilizzo del profilattico. Mandiamole a mente e non cerchiamo di creare eccezioni, neanche se la situazione sembra richiederlo:

  • Ricordati di usare sempre il preservativo quando hai un rapporto sessuale;
  • Controlla sempre che non sia scaduto e che sia ancora integro;
  • Conserva sempre i preservativi in un luogo asciutto e fresco;
  • Evita di custodirlo nel portafoglio o nella tasca dei jeans perché potrebbe rovinarsi;
  • Non indossare mai più di un preservativo: con lo strofinio si romperanno entrambi;
  • Non riutilizzare mai un preservativo.

Modo corretto per indossare il preservativo in pochi passaggi

Passaggio 1: controlla sempre la data di cadenza.

Sebbene non sia a breve termine, tutti i preservativi hanno una data di scadenza: la trovi sempre scritta sulla confezione. Non usarli dopo quel termine, potrebbe essere pericoloso perché la loro efficacia si riduce.

Passaggio 2: come aprire la confezione.

La confezione è stata progettata apposta per essere aperta semplicemente con le dita senza bisogno di ausili. Usare forbici, coltelli, o i denti, potrebbe forare il lattice e renderlo completamente inutile nel prevenire gravidanze o malattie sessualmente trasmissibili.

Passaggio 3: appoggia il preservativo.

Prima di tutto devi capire qual è il verso giusto per indossarlo. La sua piccola punta (il serbatoio che conterrà lo sperma) rappresenta la parte superiore che sporge, quindi appoggialo sulla cappella tenendo quella parte in alto e i bordi verso il basso.

Il pene, prima di indossarlo, dovrà già essere completamente eretto, altrimenti non potrai mai infilarlo, quindi non avere fretta di indossarlo prematuramente.

Passaggio 4: indossalo.

Tenendo il serbatoio (la punta sporgente) tra le dita, comincia a srotolarlo verso il basso. Il modo corretto è quello di usare due dita (pollice e indice) per far scendere i bordi lungo l’asta del pene arrivando fino alla base: se non scende facilmente prova a usare del lubrificante per facilitare l’operazione.

Alliscia bene tutto togliendo eventuali pieghe e fai attenzione a non rompere la punta o diventerà inservibile e dovrai cambiarlo

Parte 6: cosa fare se si sfila.

Se questo avviene durante il sesso (può capitare), toglilo completamente, buttalo e ripeti le operazioni con un nuovo preservativo. Anche se si è sfilato solo parzialmente ti consiglio di avere pazienza e ricominciare da zero, perché nel tentativo di stenderlo nuovamente potresti romperlo (specie considerando l’impazienza di quei momenti).

Trovarsi all’interno della vagina con un preservativo sfilato che ormai copre solo la cappella è pericolosissimo.

Parte 7: come rimuoverlo alla fine.

Una volta terminato il rapporto, assicurati di non essere vicino alla vagina della tua partner, quindi tenendolo fermo per la punta, inizia a sfilarlo partendo dal basso. Non fare gesti rapidi o troppo forti, perché lo sperma potrebbe schizzare fuori. Sei stato così bravo, perché fare stupidaggini proprio dopo il finale?

Come scegliere il preservativo?

Sicuramente un preservativo va scelto in base alla taglia, e come trovare la taglia giusta del preservativo a volte risulta poco semplice  perché è necessario tenere presente le varie taglie che non hanno niente a che fare con la lunghezza, ma con la larghezza nominale (la spiegherò tra poco). Non vergognarti quindi di chiedere una taglia “piccola” al farmacista: la lunghezza è sempre la stessa che sia una XS o una XL.

Poi occorre scegliere le sue caratteristiche in base ai nostri gusti. Oggi esistono in commercio tanti tipi di profilattici diversi: ritardanti, stimolanti, sottili o supersottili. I preservativi ritardanti servono appunto a ritardare il coito e a questo fine sono conformati in modo da stringere maggiormente il glande per trattenere il sangue nel pene, e contengono sostanze leggermente anestetiche che ne riducono la sensibilità.

Al contrario gli stimolanti danno più piacere sia a lui che a lei, grazie ad apposite nervature interne ed esterne che aumentano l’attrito durante il rapporto (da evitare se si soffre di eiaculazione precoce). Ecco una guida utile su come utilizzare i preservativi ritardanti

Tutti i preservativi sono leggermente lubrificati, ma alcuni sono dotati di un extra dose di lubrificante che ne rende più agevole l’utilizzo.

Come non accennare poi a piacevoli “diversivi” come quello dei preservativi aromatizzati (i gusti sono tantissimi: fragola, lampone, mela, banana, eccetera), quelli colorati e persino quelli fosforescenti in grado di essere visibili anche al buio. Del resto il sesso è un gioco, ed è divertente sperimentare e stupire!

La larghezza nominale

Quando acquisti una scatola di preservativi fai sempre attenzione alla cosiddetta Larghezza Nominale (questo valore è sempre indicato in millimetri sulla scatola). Come ho spiegato prima, la lunghezza del pene non fa nessuna differenza nell’acquisto di un preservativo.

La larghezza nominale invece si calcola misurando la circonferenza del nostro pene (dell’asta, non della cappella) con un comune metro da sarta, e confrontando il dato con questa apposita tabella.

Quanto deve stringere il preservativo?

Un preservativo deve essere aderente, ovvero non deve “ballare” attorno al pene. Ma non deve essere neanche così stretto da fare male o essere difficile da infilare: ricorda che un profilattico troppo stretto è molto facile che si rompa. Deve essere comodo e giusto, esattamente come se tu provassi un paio di scarpe.

Quando è il momento di mettere il preservativo?

Il momento giusto è quando il pene è duro e in piena erezione, appena prima di cominciare la penetrazione anale e vaginale.

Se lo infili con troppo anticipo rischi che durante un calo dell’erezione possa sfilarsi.

Conclusioni

Le prime volte possiamo incontrare delle difficoltà nell’indossare un preservativo, ma per fortuna nessuno ci vieta di prepararci al meglio facendo da soli queste prove in tutta tranquillità.

Compriamo una confezione della taglia giusta per noi ed esercitiamoci sia ad aprire la confezione senza rompere niente, sia a srotolarlo sul pene assicurandoci di stenderlo bene, fino alla base del pene e senza creare bolle d’aria.

Dopo una o due prove saremo pronti per affrontare con sicurezza qualunque situazione hot con la disinvoltura di un Casanova!