Con la parola Tantra ci si riferisce a una filosofia di vita antichissima nata in India migliaia di anni fa e che esplora temi quali illuminazione e beautitudine: stati raggiungibili solo attraversando i vari livelli di consapevolezza che portano al pieno risveglio della coscienza.

Un percorso affascinante quanto complesso che negli ultimi decenni è riuscito a interessare anche moltissimi occidentali, magari più interessati alla sua derivazione moderna (Neotantra) e ai suoi richiami all'energia sessuale che al raggiungimento di una maggiore consapevolezza generale

Tantra e Neotantra

Il Tantra classico si occupa fondamentalmente di meditazione e illuminazione, ma contiene anche riferimenti all'energia sessuale e al ruolo del sesso all'interno di un percorso spirituale.

Negli anni ottanta questi riferimenti sono stati adottati come spunto per creare il Neotantra: una moderna interpretazione del tantra che si focalizza invece prevalentemente su benessere sessuale, armonia di coppia, raggiungimento del godimento più alto. Questa corrente moderna si inserisce nell'ambito della cultura New Age, un movimento che comprende numerose discipline spirituali, sociali e psicologiche.

Cos’è il massaggio tantra

Nei paragrafi che seguono ti spiegherò in cosa consiste il massaggio tantrico, affinché tu possa capire se questa pratica può essere d'aiuto per il raggiungimento del tuo benessere psico-fisico personale. Ti consiglio di approcciarti alla lettura in modo aperto, con curiosità e senza partire prevenuto.

Prima di iniziare

Il cardine della sessualità tantrica è racchiuso nel massaggio, che non va inteso esclusivamente come pratica erotica ma come momento di profondo contatto e connessione tra due persone, finalizzato alla totale riattivazione dei sensi e quindi della coscienza.

Il sesso nel Tantra e Neotantra è parte essenziale del nostro risveglio, e la liberazione dell'energia sessuale è la strada da percorrere per arrivare a un completo equilibrio tra mente e corpo.

Proprio perché corpo e spirito non sono due entità disgiunte, il vero massaggio tantrico dovrebbe cominciare con un dialogo tra massaggiatore e massaggiato, dove vengono esposti problemi, esigenze e insicurezze come se si fosse dallo psicologo, e quindi successivamente si procede al massaggio per intervenire sui punti specifici emersi nella conversazione. Con il permesso del massaggiato, si potranno stimolare le zone erogene e gli organi genitali anche arrivando a uno stato di estasi e quindi all'orgasmo.

L'ambiente è molto importante nel massaggio tantra, quindi occorrerà creare una situazione confortevole e rilassante tramite luci soffuse, candele e musiche che inducono a meditazione e relax. Non devono essere presenti distrazioni, rumori esterni, e in nessun caso il massaggiatore può interrompere il massaggio per dedicarsi ad altro.

Tecniche per fare un massaggio tantra

Prima di affrontare il massaggio occorre prendersi il tempo necessario per fare esercizi di respirazione, magari anche recitando un mantra che favorisca la concentrazione. Il massaggio tantrico si esercita applicando olio caldo, magari di cocco o di mandorla (ma potete scegliere il vostro olio essenziale preferito) sul corpo del ricevente e massaggiandolo lentamente dalla testa ai piedi con gesti lenti ma intensi.

Si comincia accarezzando il volto, poi si scende su braccia e gambe e quindi sul corpo, non trascurando gli organi genitali, se il massaggiato è d'accordo. Quindi si passa alla schiena e al collo, sempre in una condizione di assoluto relax. Il percorso del massaggio si concentra sui chakra, centri vitali che vanno riattivati e stimolati per pemettere all’energia di liberarsi e diffondersi.

Chi ha praticato Yoga anche una sola volta saprà cosa sono i chakra. Sono i punti energetici del corpo, i centri che regolano il flusso e la distribuzione dell’energia (compresa quella sessuale). Il primo chakra (Muladhara) si trova nel perineo e controlla sicurezza, forza e stabilità Il secondo chakra (Svadhisthana) è localizzato sotto l’ombelico e gestisce il piacere e la libertà creative. Il terzo (Manipura) lo troviamo sotto il diaframma, il quarto è al centro del petto, il quinto nella gola, il sesto sulla fronte e il settimo sulla sommità del cranio. Sono infatti sette i chakra principali, ma il loro numero complessivo è molto più alto e se vuoi conoscerli tutti nel dettaglio ti consiglio una lettura più specifica.

I trattamenti di derivazione tantrica: Lingam e Yoni

Il massaggio tantrico genitale si divide in Lingam (parola Vedica che indica il pene), ovvero il massaggio genitale maschile, e Yoni (vagina) che rappresenta il massaggio genitale femminile. Durante il massaggio tantrico è previsto che gli organi sessuali siano stimolati al fine di liberare al massimo l’energia rimuovendo ogni blocco e ostacolo, e attraverso il loro tocco il massaggiatore può portare il ricevente anche all’orgasmo.

Attraverso il massaggio tantra quali vantaggi si possono avere?

Se è ben eseguito il massaggio tantrico può portare a una vera illuminazione, con tutti i benefici che ne conseguono. Comprensione di quali sono i blocchi che frenano la nostra energia inquinando corpo e mente, scioglimento dei nodi psicofisici: in generale si arriva a una sensazione di benessere molto profonda che può durare anche per diversi giorni. C’è chi racconta la sua esperienza con il massaggio tantrico come un sentirsi innalzati tra le nuvole, illuminati da una luce calda e avvolgente e provando una quieta mai sperimentata prima.

Il senso ultimo di questo tipo di massaggi è proprio quello di sprofondare nella nostra dimensione interiore annullando ogni difesa, contrattura, rigidità e consentendo a tutti i nostri flussi vitali di scorrere liberamente, senza che il loro potenziale venga ostacolato. Secondo il tantra infatti la repressione delle energie vitali è la prima causa dei problemi che ci affliggono a livello fisico e mentale.

Quanto dura un massaggio tantra?

Riferirci alle lancette dell’orologio quando si parla di argomenti quali meditazione, tantra, consapevolezza è sempre poco piacevole. Ma occorre comunque dare delle indicazioni di massima e potrei dirti che un massaggio tantra non dovrebbe durare meno di 90 minuti. Va eseguito con calma e lentezza, e oltretutto il tempo necessario per liberare i chakra è estremamente soggettivo e varia da persona a persona.

Massaggio tantrico in coppia

Sono tante le coppie che si sottopongono insieme a un massaggio tantrico. Questa esperienza permette di comprendere meglio cosa stimola il piacere del partner, e porta a una maggiore conoscenza dell’altro e quindi a una più elevata solidità di coppia. Può sembrare strano guardare il nostro partner abbandonarsi a un orgasmo sotto le mani del massaggiatore, ma in realtà dobbiamo vivere questa esperienza in modo collettivo e non individuale, come se fossimo tutti e due un’unica entità che riceva piacere. Durante il massaggio la coppia deve infatti essere sempre a stretto contatto, per raggiungere insieme uno stato armonico superiore.

Conclusioni

Mi sento di consigliare a tutti questa esperienza, dato che liberare il proprio potenziale dovrebbe essere la priorità di ogni essere umano. Priorità troppo spesso repressa da un modo di vivere troppo frenetico, carico di ansie, notifiche, distrazioni, impegni che ci vedono sempre più occupati a “fare” qualcosa anziché semplicemente “essere”.

Dopo un massaggio tantrico si raggiunge uno stato di piacevole benessere ma soprattutto lo scioglimento di tutte le negatività che si frappongono tra noi e la nostra felicità. Lo stato di benessere che segue non è quindi puramente fisico ma anche psicologico.

E tu hai già provato il massaggio tantrico? Ci piacerebbe conoscere la tua esperienza su questo tema: raccontala nei commenti e aiuta gli altri lettori a farsi un’idea su questo argomento così delicato e interessante.